PER L'ASSEGNAZIONE DI LOTTO EDIFICABILE RICADENTE ALL’INTERNO

DEL PIANO INSEDIAMENTI PRODUTTIVI SOVRACOMUNALE (P.I.P.S)

 

IL RESPONSABILE DELL’AREA TECNICA 

Vista la Delibera di Giunta dell’Unione n°40 in data 11.11.2017, con la quale è stato approvato l’atto di indirizzo per l’assegnazione di lotto ricadente nel Piano Insediamenti Produttivi Sovracomunale (P.I.P.S.)

I N V I T A 

quanti fossero interessati all'acquisto di un lotto edificabile all'interno del P.I.P.S. per la realizzazione di nuovi insediamenti, a presentare domanda all’Unione Lombarda dei Comuni di Calvatone e Tornata – Sportello Unico Attività Produttive sito a Calvatone (Cr) in Via Umberto I n°134, con le modalità di seguito indicate.

 IL PREZZO DEL LOTTO È DETERMINATO

IN € 24,00 (EURO VENTIQUATTRO/00) AL MQ.

 

1) Modalità per la presentazione delle domande.

Possono presentare domanda di assegnazione delle aree, aziende industriali ed artigianali.

La domanda per l’assegnazione del lotto su apposito modulo disponibile presso lo Sportello Unico Attività Produttive dell'Unione Lombarda dei Comuni di Calvatone e Tornata o sul sito www.unionecalvatonetornata.cr.it [3] dovrà essere indirizzata all’Unione Lombarda dei Comuni di Calvatone e Tornata – Sportello Unico Attività Produttive, sito a Calvatone (Cr) in Via Umberto I n°134, e dovrà pervenire ENTRO LE ORE 12:00 DEL 16 DICEMBRE 2017.

Sulla busta dovrà essere precisata la ragione sociale del richiedente e indicato "DOMANDA DI ASSEGNAZIONE LOTTO P.I.P.S.".

La domanda di assegnazione dovrà essere corredata dalla seguente documentazione obbligatoria:

a)  atto costitutivo e statuto per le sole società;

b)  documentazione attestante l'iscrizione al Registro delle Imprese tenuto
presso la Camera di Commercio ovvero all'albo delle imprese artigiane;

c)  autocertificazione attestante l'inesistenza di condanne penali in capo al  rappresentante legale della società o al titolare dall'impresa ovvero a tutti i soci in caso di società di persone;

d)  documentazione a dimostrazione dei criteri di preferenza;

e)  fidejussione bancaria o assicurativa dell'importo di euro 956,40 € pari a 0,20 € (euro zero e venti centesimi) al mq, a favore dell’Unione Lombarda dei Comuni di Calvatone e Tornata a garanzia dell'impegno alla sottoscrizione della convenzione di concessione del lotto.

Nel contratto fidejussorio deve essere inserita la clausola specifica che impegna l'istituto fidejussore a soddisfare l'obbligazione, a semplice richiesta dell’Unione Lombarda dei Comuni, con esclusione del beneficio di cui al 2° comma dell’ art. 1944 del c.c. e senza attendere la pronuncia del Giudice nonché la rinuncia all’art. 1957 del c.c. Dovranno essere inoltre attestati i poteri di firma del firmatario la fidejussione tramite autocertificazione ed allegata fotocopia del documento di identità;

Per le imprese industriali o artigianali che si presenteranno in forma consortile, o nelle altre forme di aggregazione previste dal Codice Civile, i documenti di cui alle precedenti lettere da a), a d), dovranno essere riferiti a tutte le aziende consorziate;

La mancata presentazione della cauzione provvisoria di cui alla precedente lettera e) costituirà causa di esclusione della domanda presentata. La cauzione provvisoria verrà svincolata contestualmente alla sottoscrizione della convenzione di cessione da parte delle aziende risultanti assegnatarie. La cauzione provvisoria verrà altresì restituita a tutte quelle aziende che al momento della pubblicazione della graduatoria non risulteranno assegnatarie;

Dovrà altresì essere prodotta a pena di esclusione della domanda, copia autenticata dell'atto di costituzione del consorzio tra le imprese richiedenti o di atto equipollente nell'eventualità in cui le aziende si presentino in altra forma di aggregazione.

Le assegnazioni verranno effettuate in base ad una graduatoria provvisoria predisposta entro 30 giorni dalla scadenza del termine di presentazione delle domande, su proposta della commissione tecnica appositamente nominata.

La graduatoria con l'assegnazione definitiva dei lotti verrà ratificata con Delibera di Giunta dopo aver verificato la compatibilità dell'intervento e sarà comunicata agli assegnatari a mezzo lettera raccomandata, fissando i termini per il versamento dell’acconto che dovrà avvenire entro 30 giorni dal ricevimento della stessa.

2) Modalità di pagamento.

 Il costo del lotto andrà pagato osservando le seguenti modalità:

§  entro 30 (trenta) giorni dalla comunicazione dell’assegnazione definitiva dei lotti, il soggetto assegnatario dovrà versare all’unione dei comuni a titolo di caparra una quota pari al 10% del costo complessivo del lotto (11.476,80 €);

§  dopo la comunicazione di assegnazione definitiva è fatto obbligo all'assegnatario di incaricare lo stesso notaio di fiducia della conseguente predisposizione dell'atto finale di compravendita, che dovrà essere stipulato entro e non oltre 60 giorni dalla data di assegnazione definitiva, pena la perdita della caparra versata e l'impossibilità di procedere alla definitiva assegnazione dell'area che, conseguentemente, ritornerà nella libera disponibilità dell’Unione dei Comuni di Calvatone e Tornata.

Qualora, prima della conclusione del processo di compravendita come sopra delineato, si verificasse un grave impedimento fisico dell'interessato intendendosi per tale la morte, l'invalidità permanente o l'invalidità temporanea superiore al periodo entro il quale deve essere stipulata la compravendita o dovesse mutare la situazione societaria del soggetto assegnatario, gli aventi causa o diritto devono formalmente e tempestivamente comunicare all’Unione dei Comuni  la conferma dell'interesse all'assegnazione e la nuova denominazione del soggetto subentrante, in assenza della quale l'assegnazione decade, si procede alla restituzione della caparra, previa trattenuta di un aliquota del 10% a titolo di rifusione delle spese da parte dell'amministrazione, solo nei casi di grave impedimento fisico dell'interessato (persona fisica). La restituzione della caparra sarà effettuata solo dopo la riassegnazione del lotto ad altri soggetti.

§  contestualmente alla sottoscrizione dell'atto definitivo di compravendita, il soggetto assegnatario dovrà versare il saldo del costo totale dell'area assegnata.

3) Consistenza del lotto ricadente nel PIPS.

Il lotto edificabile risulta così identificato:

 

foglio 4         mappale 362           mq. 3.492,00

foglio 4         mappale 371           mq.    122,00

foglio 4         mappale 355           mq.    528,00

foglio 4         mappale 364           mq.    541,00

foglio 4         mappale 372           mq.      18,00

foglio 4         mappale 357           mq.      81,00

                                TOTALE      mq. 4.782,00

4) Criteri per la formazione della graduatoria.

Ai fini della formazione della graduatoria ai vari richiedenti, che dimostrino con adeguata documentazione allegata alla domanda di averne titolo, verranno assegnati i seguenti punteggi:

 

1)      Azienda che chieda l’assegnazione di un’area per ampliare la propria attività già in essere nell’area P.I.P.S. – punti 10.

2)      Azienda con sede operativa sita in area con destinazione urbanistica non compatibile con le previsioni di p.r.g./p.g.t. o con l’effettiva situazione dei luoghi – punti 5.

3)      Azienda che presenta un programma di insediamento tale da creare nuovi posti di lavoro in aggiunta a quelli esistenti – punti 5.

4)      Azienda con sede operativa sita in area con potenzialità edificatoria esaurita – punti 10.

A parità di punteggio l’assegnazione è determinata in base alla data di presentazione della domanda, partendo da quella pervenuta prima.

5) Servizi.

I lotti in vendita si intendono al netto delle strade, di parcheggi pubblici, del verde e verranno serviti di strade, illuminazione pubblica, acquedotto, gasdotto, fognature, linea telefonica ed elettrica.

6) Edificabilità dei lotti.

L'edificazione dei lotti assegnati dovrà avvenire nella piena osservanza delle disposizioni di cui allo schema di convenzione urbanistica allegata.

Nel caso di azienda con sede operativa sita all’interno del PIPS che richieda l’assegnazione del lotto per l’ampliamento della propria attività, si rimanda agli obblighi della convenzione urbanistica già stipulata relativa al lotto originario.

Per quanto riguarda gli indici edificatori si dovrà fare riferimento alle norme di attuazione del Piano di Governo del Territorio (PGT) e del PIPS.

Si precisa al riguardo che il lotto in oggetto è classificato nel PGT del Comune di Tornata in ambito T.U.C. n. 13 “Tessuto Urbano Consolidato a specifica destinazione produttiva nel sistema extra-urbano” (art. 42 delle NTA) e ricadente all’interno del corridoio di salvaguardia pertinente il tracciato autostradale “Ti-Bre” (250 mt. per parte), soggetto alle fasce di rispetto autostradali, nonché in parte all’interno dell’ambito sede stradale e pertinenze previsto dal progetto “Ti-Bre”.

7) Obblighi dell'assegnatario.

L'assegnatario si impegna a presentare il progetto ed a realizzare l'insediamento produttivo secondo quanto previsto dalla convenzione urbanistica.

8) Leasing

Gli assegnatari potranno chiedere l'intestazione a società di leasing con le quali stipuleranno un contratto di locazione finanziaria, alle condizioni previste dalla convenzione urbanistica.

9) Nullità degli atti.

Gli atti compiuti in violazione delle norme e condizioni contenute nel presente bando e nella convenzione per l'assegnazione delle aree comprese nel P.I.P.S. sono nulle.

 * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *

Eventuali ulteriori informazioni riguardo il procedimento di assegnazione delle aree potranno essere richieste allo Sportello Unico Attività Produttive dell’Unione Lombarda dei Comuni di Calvatone e Tornata sito a Calvatone (Cr) in Via Umberto I n°134 dal Lunedì al Sabato dalle ore 10:00 alle ore 12:30 (tel 0375/97031 – fax 0375/97347 – e mail tecnico@comune.calvatone.cr.it [4]  - p.e.c. unione.calvatonetornata@pec.regione.lombardia.it [5] )

Ai sensi del D.Lgs.n.196/2003, si precisa che il trattamento dei dati personali sarà improntato a liceità e correttezza nella piena tutela dei diritti dei concorrenti e della loro riservatezza; il trattamento dei dati ha la finalità di consentire l'accertamento dell'idoneità dei concorrenti a partecipare alla procedura di affidamento di cui trattasi.

Il presente bando con i suoi allegati può essere consultato ed è disponibile sul sito istituzionale del Comune di Calvatone www.unionecalvatonetornata.cr.it [6]  

Responsabile del Procedimento: geom. Braga Luca (tel 0375/97031 – fax 0375/97347 – e mail tecnico@comune.calvatone.cr.it [7] ).

Costituiscono parte integrante e sostanziale del presente Bando:

a)    Schema di domanda di assegnazione;

b)    Convenzione urbanistica;

c)    Planimetria lotto.

 

Calvatone, lì 20 novembre 2017

IL RESPONSABILE DELL’AREA TECNICA

 geom. Braga Luca